Home

Storia della Fondazione


Fondazione Martinetti


Il 12 maggio 1955, su iniziativa di Nina Ruffini e delle eredi dei professori Gioele Solari e Cesare Goretti (primi depositari del fondo bibliotecario martinetti), e con la collaborazione dell’avvocato Arrigo Olivetti, venne istituita a Torino la Fondazione Piero Martinetti per gli studi di storia filosofica e religiosa. Essa si pose come finalità istituzionali (a) costituire in città o in una località in Provincia di Torino un centro di studi di storia della filosofia e delle religioni; (b) conservare, accrescere e aprire alla lettura la biblioteca lasciata da dal professor Piero Martinetti; (c) infine promuovere convegni, premi e pubblicazioni in ricordo della sua figura e della sua opera (si veda l’articolo 2 dello Statuto della Fondazione).

 

L’anno successivo la Fondazione Martinetti venne eretta a Ente Morale con D.P.R. 09/11/1956 n.1651 (pubblicazione su Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 60 del 06/03/1957), e con il medesimo atto ne viene approvato lo Statuto. L’articolo 5 dello Statuto venne successivamente modificato nel 1973 (approvazione con D.P.R. 08/08/1973 n. 783).

 

Sulla base di una convenzione decennale stipulata il 19/02/1998 con la Fondazione Piero Martinetti, la cura del patrimonio dell’omonima biblioteca e la promozione delle attività culturali previste nello Statuto della Fondazione sono garantite da una donazione annua dell’Università degli studi di Torino.

 

Alla fondazione è stata riconosciuta dalla Regione Piemonte, in forza della D.G.R n. 9-402 del 10/07/2000, la personalità giuridica, poi registrata in data 27/07/2009 al n. 922 del Registro Regionale centralizzato provvisorio delle Persone Giuridiche, istituito ai sensi del D.P.R. 361/00 con Delibera di Giunta Regionale n. 39-2648 del 02/04/2001.

 

[questa pagina dovrà essere completata]